VA20 - Da Coustellet a Eygalières

Attraversare la D2 per imboccare Chemin des Guillaumets. Dopo, proseguire dritto sul sentiero lungo la massicciata. Tagliarlo tra i piloni di un vecchio ponte e mantenere la direzione dall'altro lato. Raggiungere una strada stretta e imboccarla sulla destra fino a una biforcazione.

Continuare dritto, tagliare la D 15 (prestare attenzione!) e proseguire sulla strada divenuta a senso unico incrocio nei pressi della torre di Sabran (crocevia antico, questo quadrivio è servito come punto di riferimento per stabilire il catasto romano, è stato appena scoperto un tratto di Domizia). A sinistra lungo la D 900 (ex D 22, Route d'Avignon) sul lato inferiore (prestare molta attenzione per 400 m: traffico pesante!). Passare davanti alla Tour de Sabran. La torre è una struttura medioevale costruita nel punto di incontro di tre feudi: il marchesato di Provenza, la contea di Forcalquier e la contea di Provenza. Poi sotto il canale di Carpentras.

Lasciare la D 900 (ex D 22) per una stradina che svolta a sinistra e poco dopo sulla destra. Al primo incrocio, arriva al camping des Cerisiers.

Proseguire sulla strada antistante a Chemin de la Tour, un rettilineo ombreggiato di circa 5 km che passa tra le aziende agricole. L'itinerario segue la via Domizia, costruita su un terrapieno soprelevato (0,60 m). Il suo tracciato rettilineo è tipico, come tra Beaumettes e Coustellet. È tagliata ad angolo retto da altre strade e sentieri, spesso distanziati mezzo miglio, tale è l'eredità romana. Stare sempre attenti a tutti gli incroci. Attraversare la trafficata D 24 fino all’incrocio successivo.

Girare a sinistra su Chemin des Puits Neufs che raggiunge Route de Lagnes; seguirla per attraversare il Coulon all'entrata di Cavaillon. Alla fine del ponte scavalcare il guardrail e girare a destra in Chemin du Ratacan. Passare sotto i binari della ferrovia e seguirla fino alla tangenziale.

Attraversare sulla sinistra, imboccare la strada pedonale in salita. Passare sopra la tangenziale e dirigersi verso un complesso residenziale senza entrarvi. Girare a sinistra verso il centro città. Dopo il cimitero e una rotonda raggiungere Boulevard Gambetta; attraversarlo e andare a destra. Superare rue Pasteur a svoltare a sinistra di fronte al museo sulla Grand Rue. Prima dell'abside della cattedrale, girare a destra, poi a sinistra prima del suo ingresso. Attraversare Place cabassole e imboccare il passaggio Vidau che sbocca su Place du Clos (sorgeva qui fino alla metà degli anni '60, il mercato all'ingrosso di frutta e verdura). Girare a destra verso l’arco romano e l'ufficio turistico.

È possibile accedere alla collina di Saint-Jacques in 20 minuti dalla Montée César de Bus fino al panorama con pannello di riferimento, la cappella e l'eremo dominanti Cavaillon. Panorama: monte Ventoux, monti della Vaucluse, valle del Coulon, valle della Durance, Luberon, Alpille. Marie Mauron immagina i pellegrini qui giunti: "All’imprivviso quale rivelazione! Essi contemplavano quest’immenso paesaggio... Tutta la Provence ai loro piedi."

Cavaillon: cattedrale di Notre-Dame e Saint-Veran, museo archeologico dell’Hôtel-Dieu, Sinagoga e Museo Ebraico (visita: maggio - ottobre, tutti i giorni tranne il martedì, 9.30-12-30 e 14.30-18.30, novembre - aprile, tutti i giorni tranne martedì e domenica, 9-12 e 14-17); mercato il lunedi mattina.

Tra l’ufficio turistico e il giardino pubblico, proseguire in Avenue du Cagnard, quindi lungo Avenue Leclerc. Al parcheggio, spostarsi sulla destra e imboccare a sinistra Allée Guende. Route du Pont, dal marciapiede e il percorso pedonale, uscire da Cavaillon e attraversare la Durance.

Alla fine del ponte continuare sul lato destro della carreggiata, lungo il ponte pedonale fino alla rotatoria della D 99. Attraversare in corrispondenza del passaggio pedonale e proseguire sul lato sinistro della strada per una cinquantina di metri prima di svoltare a sinistra in una stradina riservata ai residenti. Seguirla per circa 2 km prima di salire sulla sinistra prima di La Baume sul cavalcavia.

Dopo il ponte proseguire a destra, lungo la stradina che porta alla casa della guardia del canale (di fronte, vista su una collina con Notre-Dame-de-Beauregard e le rovine del castello del duca di Guise).

Continuare su una strada sterrata lungo un canale per 200 metri. All’altezza di un cartello, scendere sulla destra per seguire il percorso pedonale lungo il canale, sotto l'autostrada. Tagliare una stradina e seguire Chemin des Pielettes lungo il canale. Proseguire lungo questo bel percorso e attraversare due ponticelli e il Canale des Alpines. Seguire una strada, poi svoltare a sinistra per imboccare Chemin la Mine che conduce alla N 7; attraversare il passaggio pedonale leggermente a sinistra (prestare attenzione!) e proseguire dritto su Rue Saint-Roch e Rue Paul-Berthe.

È possibile accedere al sito di Notre-Dame-de-Beauregard in 15 minuti: attraversare la Porte Sainte-Anne attraverso la quale passò l’imperatore Napoleone I, il 26 aprile 1814. Seguire Rue C-Fabiani, poi rue J-Robert. In Place de la Liberté (ufficio turistico sulla sinistra), salire le scale, passare davanti alla chiesa di Notre-Dame-de-l’Assomption edificata nel 1325, a sinistra seguire Chemin des Oratoires. Dopo la prima cappelletta (porta dell’Horté a sinistra), proseguire sulla destra lungo un percorso attrezzato.

Andare a destra lungo Rue du Faubourg-Saint-Anne e proseguire su Route Jean-Moulin. Ad un incrocio, girare a destra, oltrepassare un complesso sportivo per arrivare ad un incrocio. Attraversare la D 24b e percorrerla verso sinistra per 150 m.

Sulla destra, imboccare Chemin del Engranaud che costeggia uliveti e vigneti. Prima di una strada di accesso ad una proprietà, girare a sinistra su una sterrata per raggiungere la D 24b; percorrerla sulla destra per 30 m.

Scendere sulla destra lungo una strada forestale. Superare il Mas de la Rose, attraversare una stradina; Il percorso segue poi i vigneti del Domaine di Valdition. Circa 150 m dopo l'incrocio con un PR segnalato in giallo, si arriva al Mas du Prévot.
Proseguire dritto fino alla D 24b, seguirla sulla destra per circa 250 m.

È possibile raggiungere in 5 minuti sulla sinistra, la Chapelle Saint-Sixte. La cappella fu costruita nel XII secolo sul sito di un antico tempio pagano. L'ingresso è coperto da una tenda. Il complesso è notevole per la semplicità e l'armonia che forma con l'ambiente naturale e che ha ispirato molti pittori. Proseguire sulla strada (vista sul paese di Eygalières in cima alla collina). Raggiungere Eygalières all’incrocio con la 74a D.

Partenza
Coustellet
Arrivo
Eygalières
Lunghezza totale
27.7 km
Segnaletica

GR653D

loading